Per non dimenticare i valori della democrazia – Joseph Mengele: Il Medico Della Morte, e il documentario Night Will Fall (Perché non scenda la notte), Il film mai finito di Hitchcock sui lager nazisti

Joseph Mengele: Il Medico Della Morte

(da “La storia siamo noi”)

clicca qui  >>> https://www.youtube.com/watch?v=DK1BAGcRn-Y

 

Josef Mengele – Il Medico Di Auschwitz 1/5

https://www.youtube.com/watch?v=X7jJ9-yWkWo

 

Josef Mengele – Il Medico Di Auschwitz 2/5

https://www.youtube.com/watch?v=tOVzUr8Ui7I

 

Josef Mengele – Il Medico Di Auschwitz 3/5

https://www.youtube.com/watch?v=3Gr5HW4r6nU

 

Josef Mengele – Il Medico Di Auschwitz 4/5

https://www.youtube.com/watch?v=rnljUmquhDM

 

Josef Mengele – Il Medico Di Auschwitz 5/5

https://www.youtube.com/watch?v=gSDwL-fctD4

 

INOLTRE

Night Will Fall – Perché non scenda la notte. Il film mai finito di Hitchcock sui lager nazisti

pellicola restaurata nel 2005 dall’Imperial War Museum

https://www.youtube.com/watch?time_continue=21&v=lbB9NCYzQVU

 

DA  LINKIESTA DEL 27 GENNAIO 2015

(la storia del documentario nella versione originale incompleta del contenuto della ultima bobina)

Il documentario di Hitchcock e Bernstein sull’Olocausto

Commissionato nel 1945 ma mai usato

Già nel febbraio del 1945 il regista Sidney Bernstein è incaricato di occuparsi di questo lavoro: prendere i filmati che arrivavano dal fronte e trasformarli in un film. E Bernstein, conscio della mole e della difficoltà dell’opera, chiede aiuto dell’amico Alfred Hichcock e i due si mettono insieme al lavoro sul documentario. Bernstein si occupa della regia, mentre Hitchcock scrive uno script per accompagnare le immagini e lavora con i montatori per scegliere i filmati e trasformarli in una narrazione coerente.
Il progetto, però, viene presto bloccato. Nell’agosto 1945 i rapporti politici tra Regno Unito e Germania sono già cambiati e il Ministero degli Esteri (non più quello dell’Informazione) invece di calcare la mano sui campi di concentramento, preferisce percorrere la strada della riabilitazione del Paese.

Da lì in avanti, il film rimane fermo negli archivi del Imperial War Museum per quasi quarant’anni e conosciuto semplicemente per il suo numero d’archivio: “F3080”. Il film esce dagli archivi solo nel 1984, quando viene proiettato in una versione incompleta al festival del cinema di Berlino. Poi, nel 1985, il programma Frontline della della rete statunitense PBS acquisisce i diritti per trasmettere il film e lo manda in onda, esattamente come è stato trovato, intitolandolo Memory of the Camps. Il film è ancora incompleto: manca la sesta e ultima bobina di filmato e il soggetto scritto da Hitchcock non è mai stato registrato. PBS chiede allora all’attore Trevor Howard di registrare la traccia sonora e manda in onda il film senza video nella parte conclusiva, montando la voce di Howard sopra immagini statiche.

Il film andato in onda è quello che si vede qui sotto, in una versione archiviata sul sito Internet Archive.

Nelle scorse settimane l’Imperial War Museum ha annunciato di aver restaurato la pellicola, anche recuperando da nuove fonti il materiale mancante della sesta bobina del film, e che lo pubblicherà nel 2015 in occasione dei 70 anni dalla creazione del film. Il curatore del museo, Toby Haggith, dice che «la restaurazione digitale fa sembrare il filmato molto vivo […]. Uno dei commenti che abbiamo sentito più spesso [nelle proiezioni private del film] è che il documentario è terribile e acuto allo stesso tempo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *