ENPAM – I NUOVI IMPORTI PER IL 2023 DELLA QUOTA “A”

Medici-chirurghi, Odontoiatri e Studenti dal V anno: determinazione della misura dei contributi minimi obbligatori “Quota A” per l’anno 2023.

Il contributo dovuto alla gestione “Quota A” è determinato in misura fissa e per fasce di età (fino a 30 anni, da 30 a 35, da 35 a 40, oltre i 40 anni).
Come previsto dall’art. 3 comma 8 del Regolamento del Fondo di Previdenza Generale il contributo va annualmente rivalutato “in misura pari al 75% dell’incremento percentuale fatto registrare dal numero indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati elaborato dall’Istituto Centrale di Statistica fra il mese di giugno del secondo anno precedente a quello di pagamento ed il mese di giugno dell’anno immediatamente precedente il pagamento medesimo, maggiorato di un punto e mezzo percentuale”.
Pertanto, poiché l’incremento percentuale dell’indice ISTAT fatto registrare fra giugno 2022 e giugno 2021, è stato pari a 7,8%, va determinato il 75% di tale percentuale (7,8%  5,85%); va poi applicata a tale aliquota la maggiorazione di un punto e mezzo percentuale (5,85% + 1,5% = 7,35%).
Classe d’età        Anno 2022      Aumento      Anno 2023
meno di 30         € 240,08          € 11,65          € 257,73
tra 30 e 35          € 466,01          € 34,25         € 500,26
tra 35 e 40 *       € 874,48          € 64,27          € 938,75
oltre 40               € 1.615,02       € 118,70       € 1.733,72
* Medesimo importo per tutti gli iscritti ultraquarantenni ammessi a contribuzione ridotta, secondo la previgente normativa.
Per gli studenti dal V anno del corso di laurea in Medicina e Chirurgia ed in Odontoiatria l’ammontare annuo del contributo di “Quota A” corrisponde alla metà di quello previsto per gli iscritti fino ai 30 anni (art. 3, comma 3bis, del Regolamento del Fondo di Previdenza Generale) cioè € 128,87.
Il pagamento può essere fatto:
• in unica soluzione con il bollettino (scaricabile dal sito Enpam – bollettino Pago PA) che riporta l’intero importo. La scadenza per il versamento è il 30 aprile;
• oppure in quattro rate. In questo caso bisogna utilizzare i quattro bollettini (bollettini Pago PA) con scadenza 30 aprile, 30 giugno, 30 settembre, 30 novembre.
Il pagamento può essere fatto anche mediante la domiciliazione bancaria. I contributi sono addebitati sul conto corrente alla data esatta della scadenza (oppure, se il termine cade di sabato o in un giorno festivo, il primo giorno utile successivo).
È anche possibile pagare i contributi a rate attivando gratuitamente la carta di credito che Enpam mette a disposizione in convenzione con la Banca popolare di Sondrio. In questo caso, però, è necessario disattivare l’addebito diretto con l’Enpam.
I versamenti per il pagamento della quota A sono fiscalmente tutti deducibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *