Covid, quali sono i sintomi delle varianti Cerberus e Gryphon: cosa cambia da Omicron 5

Dopo Omicron 5 sono arrivate Cerberus e Griphon a diffondere preoccupazione tra la gente. In particolare, dati alla mano, sembra sia Cerberus ad avanzare inesorabile. Ma anche Gryphon, ha raggiunto il 3,3%. Sono sottovarianti che secondo l’iss vanno tenute sotto controllo perché “a maggiore trasmissibilità e/o con mutazioni correlate a una potenziale evasione della risposta immunitaria”. A preoccupare anche l’Organizzazione mondiale della Sanità è soprattutto Gryphon che viene considerata “la più immunoevasiva mai vista”.
Leggi l’articolo:
Il Corriere della città
Covid, quali sono i sintomi delle varianti Cerberus e Gryphon: cosa cambia da Omicron 5

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *